blog di Lucia

Yoga per il mal di schiena

Yoga per il mal di schiena

Questo articolo vuole essere un'introduzione al tema dello yoga per il mal di schiena.
Prima di entrare nel vivo dell'argomento, due parole sul mal di schiena. 

Il mal di schiena: in che cosa consiste e quali sono le cause

Il mal di schiena può essere legato a molti fattori: contrazioni muscolari, degenerazione dei dischi intervertebrali, compressione e irritazione della radice dei nervi spinali, infiammazioni artrosiche, deviazioni della colonna vertebrale come ipercifosi, iperlordosi, scoliosi, e ancora, anomalie congenite o lesioni articolari, come per esempio uno scivolamento di una vertebra sull’altra (spondilolistesi). 

Nella maggior parte dei casi, anche se non sempre, queste condizioni comportano, appunto, dei dolori.

Generalmente il mal di schiena è dovuto a una serie di concause. Molte di esse possono essere raggruppate in due grandi categorie:

  • disuso cronico del corpo (come sedentarietà e mancanza di movimento),
  • abuso delle possibilità del corpo (come sforzi intensi e improvvisi nel corso di attività sportive, movimenti scorretti nel sollevare pesi durante le attività quotidiane, o ancora posture e movimenti sbagliati legati alla propria professione, eccetera).

Raggiungere nuove mete

Raggiungere nuove meteUna definizione di "yoga"

La Chandogya Upanishad  definisce lo yoga come un processo che consiste nell’andare dove non si era ancora andati, nel realizzare qualcosa di nuovo: “Yoga è raggiungere nuove mete”.
In questo senso, yoga è superare i limiti di oggi, sperimentarci in ciò che oggi non sappiamo fare o crediamo di non saper fare. È andare oltre le nostre convinzioni limitanti o le nostre paure. È  tendere verso il meglio, aspirare a ciò che ci fa evolvere e ci fa stare bene. Con un impegno rilassato, senza creare forzature, ma senza nemmeno metterci troppo comodi.      

Detto in altri termini, il cammino dello yoga è un processo di espressione del nostro potenziale.
Risvegliare le nostre parti latenti o atrofizzate ci dota di nuove energie ed è un atto di generosità verso noi stessi.

Pratica viniyoga. Respiro e âsana

Pratica viniyoga. Respiro e âsanaLe implicazioni del respiro

Perché nella pratica viniyoga respiro e âsana vengono considerati inscindibili? Perché il respiro gioca un ruolo così importante nella pratica di âsana?
Il ritmo e l’andamento del respiro di ciascuno di noi varia in funzione dei bisogni dell’organismo: si modifica a seconda che il corpo si trovi in condizioni di riposo o sotto sforzo, oppure in risposta ai mutamenti nell’equilibrio acido-basico del sangue, e così via.

Ma il respiro non cambia soltanto sulla base di ciò che accade al corpo. Si modifica anche al variare delle condizioni mentali e degli stati emotivi di ciascuno di noi.

Storia del counseling (o counselling)

Storia del counselingLa storia del counseling inizia prima di quanto si possa pensare. Le origini del counseling non sono facilmente reperibili, ma in America si può rintracciare una prima pratica assimilabile al counseling verso la fine del 1800, in alcuni programmi di orientamento scolastico e professionale destinato ai giovani al termine dei loro percorsi scolastici. In quegli anni e nei successivi, all'interno di scuole primarie e secondarie, nelle università e nei campus s’incominciano a trovare insegnanti e/o operatori di riferimento, formati per fornire orientamento scolastico e professionale. Parallelamente, nascono e si moltiplicano le associazioni che offrono servizi di consulenza, educazione e orientamento per immigrati, come pure per reduci di guerra e in generale per chiunque necessiti di una (ri-)collocazione professionale. 
 

Utilità del counseling

Utilità del counseling

Sull’onda delle trasformazioni sociali e culturali che stiamo attraversando, l'utilità del counseling diventa pian piano più evidente, lentamente, l'interesse per il counseling cresce. E c'è da augurarsi che anche in Italia il termine "counseling" possa entrare sempre più nel lessico corrente, come già accade in altri paesi, ad esempio nel mondo anglosassone e in particolare in America, 

E con questo blog vorrei contribuire a diffondere una cultura del counseling che ritengo importante per i nostri tempi.

Anni fa, prima che a mia volta scegliessi di diventare counselor, ho sperimentato l'utilità del counseling sulla mia pelle, E' stato attraverso un percorso di counseling che ho potuto risollevarmi in un momento difficilissimo della mia vita, trovando impulso e strumenti per crescere. E oggi ho la fortuna e l'onore di dare a mia volta un aiuto ai miei clienti, accogliendoli, ascoltandoli e stimolandoli a fare passi avanti nel loro cammino di vita.

Il valore del cammino

il valore del cammino

È davvero strano. In una camminata in montagna abbiamo sempre bene in mente la nostra meta e la perseguiamo con attenzione.
Nella nostra vita no.
Sembriamo, a volte, prede distratte di esche luccicanti e vuote, girovaghi svogliati in una città dalla quale non ci aspettiamo nulla o non sappiamo cosa prenderci.
Eppure chiederci dove stiamo andando e ricordarci la nostra meta, lungo questo nostro cammino, magari anche rovistando tra riflessioni e parole di un pensatore o di un poeta, mi pare un atto di saggezza e di generosità verso noi stessi.
Qualcosa che ci dobbiamo.

Come scrive Kavafis in questa poesia così bella, il senso, il valore del nostro cammino sta nel cammino stesso. E nel modo di percorrerlo.

Life skills. Creatività

life skills creativita

La creatività non è solo prerogativa degli artisti, né è qualcosa che si esprime soltanto nelle opere d’arte: è una delle life skills più importanti, una qualità che può rendere più ricco e appagante il nostro quotidiano. Per quanto sia tipica di una determinata struttura di personalità, la creatività può essere sviluppata da chiunque. 

Yoga e Viniyoga

Negli antichi testi dell’India conosciuti come Upanishad, il termine “viniyoga” viene utilizzato per esprimere concetti come  “offerta” o “dono”. Nello stesso spirito, Patañjali ha ripreso questo termine e lo ha utilizzato nello Yoga-Sûtra per indicare un’applicazione dello yoga che fosse completa e specifica insieme e, in particolare, rispettosa dell’individuo.

Chiunque voglia fare un dono a un amico, per trovare qualcosa di adatto e gradito, pensa a lui, ai suoi gusti, a cosa gli piacerebbe, alle sue caratteristiche, ai suoi bisogni. Questo atteggiamento descrive lo spirito viniyoga. Per proporre una pratica utile ed efficace, un insegnante presta attenzione al suo allievo, lo ascolta, lo osserva e gli propone tecniche psicofisiche e/o orientamenti per la vita quotidiana “su misura”, personalizzati. È per questo che tradizionalmente l’insegnamento dello yoga veniva trasmesso individualmente.

Counseling, yoga, evoluzione

Vincent Van Gogh, seminatore al tramonto

Evoluzione. La visione della psicologia umanistica e del counseling

Secondo il postulato della psicologia umanistica, ognuno di noi è abitato da una natura interiore - unica e irripetibile - orientata verso l' evoluzione positiva. Ognuno di noi tende verso il dispiegamento dei suoi potenziali e ad immagine del seme che porta al suo interno il progetto del fiore o dell’albero, ciascuno di noi ha in sé ciò che è necessario alla sua autorealizzazione. Nella sua dinamicità costruttiva, la spinta all’ evoluzione non cessa mai di esistere e di operare. Quando viene contrastata da eventi sfavorevoli ne risente, si indebolisce o si distorce, ma non si spegne mai del tutto. Per operare positivamente, questa tendenza evolutiva necessita del sostegno di condizioni favorevoli. Condizioni facilitanti sono per esempio un buon accudimento da parte dei genitori durante l’infanzia, o, successivamente, l’amore e il sostegno di un buon compagno, o più in generale un ambiente sociale favorevole, una sufficiente soddisfazione di necessità fondamentali quali il bisogno di sicurezza, di appartenenza e di stima, e ancora l’ampliamento della propria conoscenza, la possibilità di ascoltare la propria voce interiore e di fare scelte congruenti con i propri valori…

Pagine

Subscribe to Feed RSS - blog di Lucia